Close

Montesa. 175cc. Impala.

260.2

Ristrutturato

Anno 1962. Registrato. Con la documentazione. Il giorno ITV.

Completamente ristrutturato, rispettando modello originale. Le riprese.

Con garanzia sulle parti rinnovate.

Maggiori dettagli

 

Scheda di dati di

Stato Restaurato

Ulteriori informazioni

L'Impala era una moto da turismo realizzato da Montesa in due fasi: la prima, dal 1962 al 1971 e il secondo con il nome Impala 2, 1982 e il 1989. Tutta la sua vita commerciale ha portato diverse versioni quasi sempre in due cilindrate (175 e 250 cc, oltre a una versione di 125 cc del Impala 2), e anche alcuni di adatto per motocross, enduro e trial. Tutti condivisi, tuttavia, le caratteristiche generali: motore a due tempi monocilindrico raffreddato ad aria, telaio rack semplice, freni e ammortizzatori e forcella convenzionale davanti e dietro.

Durante la sua epoca d'oro, 1960, l'Impala è stato uno dei più grandi successi commerciali di Montesa, arrivando a godere di un forte punto di appoggio. I loro punti di forza sono stati una grande affidabilità tecnica e di un impeccabile estetico, un fattore che nell'anno della sua uscita gli è valso il premio Delta Oro design industriale, assegnato dall'ADI-FAD. Inoltre, altri vantaggi che lo rendono particolarmente adatto per la città, tra i quali sono il suo peso leggero e a basso consumo energetico.

 

 



Distanza da passare di moda, la Montesa Impala è diventato un oggetto di culto ed è una delle moto classica catalana più apprezzate dai fan (ci sono alcuni che sono disposti a pagare fino a 9.000 euro). Attualmente ci sono ancora circa 2.500 in circolazione, la stragrande maggioranza in catalano Paesi-soprattutto a Barcellona, ma anche in Girona, Lleida, Maiorca e Valencia, e alcuni in Galizia e a Madrid. Su questo modello è stata creata una rete di officine specializzate, i restauratori e le associazioni di utenti (il Moto Club Impala, per esempio, ha quasi 200 membri). Una causa simile, ha attivato anche il furto, al punto che nell'estate del 2009, a Barcellona rubato, 56.
Il creatore del Impala era Leopoldo Milà, che nel 1958 era stato promosso a direttore del dipartimento tecnico di Montesa dopo Francisco Xavier Bultó e la maggior parte del personale tecnico, hanno lasciato la società a causa di disaccordi con Pedro Permanyer. Milano quindi deciso di portare avanti un progetto che era in incubazione da tempo: un design innovativo di moto a 2 tempi e 175 cc che dovrebbe essere confortevole, resistente e affidabile. E ' stato uno dei progetti più ambiziosi di Montesa e ha coinciso temporalmente con il trasferimento della fabbrica del Poblenou a Esplugues de Llobregat, causata dalla crescita della società, che è stata completata nel 1962.

Già una volta un designer a capo di Milano ha messo da parte il progetto del motore "mono-block", che stava lavorando su allora e ha cominciato a definire una nuova moto, sulla base delle proprie idee e della filosofia. L'obiettivo era quello di costruire un economico e trascorso un po ' di benzina, ma è stato in grado di superare i 100 Km / h. Per raggiungere questo obiettivo, è considerata la base di tre principi: quello di non avere un asta della frizione, la trasmissione non fosse per la catena primaria prima di pignoni, e che il cambio sia lo stesso blocco come il resto del motore con lo stesso basamento.

Progettare il motore ha cominciato da zero, finalmente una forza distinte esteticamente dal precedente marca. Il cilindro è stato fabbricato in alluminio iniettato con, il primo prodotto in Catalogna con questo sistema. Il cambiamento è stato progettato completamente nuovo, con tutti i pezzi arrotondati, senza parentesi angolari. La trazione era aghi, e l'albero non aveva alcun punto di rottura. Il tubo di scarico (responsabile per il suono che è così distintivo dell'Impala), è stato progettato da un tedesco di nome Goergen, un produttore di barche a motore di velocità, che in quei tempi stava collaborando con la società.

In termini di forma del deposito, salvo peculiari dell'Impala, vino determinato da aspetti economici, perché in questo modo sottovaluta il processo di fabbricazione.

Alla fine del 1961, mentre il futuro Impala era ancora in fase di progettazione, Oriol Regàs si è verificato a lui per organizzare un viaggio attraverso l'Africa come una piattaforma pubblicitaria, per dimostrare le sue qualità. L'iniziativa si chiama "Operazione Impala", e contati con il patrocinio di Montesa, e del marchio di lubrificanti, Wynn 's, per essere protagonisti di cinque avventurieri catalano: la stessa Regàs, tre esperti, di rally e di corse motociclisti (Giovanni" Tei "Elizalde, Rafa Marsans e Enrique Vernis [9]) e lo scrittore Manuel Maristany, che, pur non avendo nessuna esperienza nel mondo del motorsport, come fotografo e come cronista. A bordo tre moto di pre-serie del futuro Impala, e con una Land Rover come un veicolo di supporto, i cinque camminato in 100 giorni (15 gennaio al 16 aprile, 1962), 20.000 km tra Città del Capo e a Tunisi.

Aver superato questa prova, l'affidabilità del nuovo modello è rimasto ben al di brevetto. A proposito, l'operazione di ispirazione Montesa al momento di battezzare il nuovo modello, che è stato presentato al pubblico con questo nome famoso: "Impala".

Infine, la Montesa Impala è stato presentato nella società, alle ore 18:30 il 30 maggio 1962, ottenendo, infine, per la vendita nel mese di giugno. Nello stesso mese è stato pubblicato il primo rapporto sulla nuova bici il numero 20 della rivista Grand Prix (a cura di Filippo Miglio e Oriol Regàs).

Dal momento della sua commercializzazione, il nuovo modello di Montesa è diventato un successo di vendite e solo nel primo anno ho venduto più di 11 000 unità. Che anno 1962, l'Impala è stato assegnato il Delta de Oro per il miglior design industriale. Gli argomenti che il n degni fossero, secondo la giuria, "la loro bellezza estetica, l'uso razionale dei materiali e la loro soluzione raggiunto utilitaristico", virtù che ha fatto "il veicolo del miglior design e il concetto".
Successi sportivi
L'Impala Sport 250, vincitore della 24 Ore di Montjuïc nel 1963
Atleticamente, l'Impala ottenuto molti successi. Nel suo palmares ci sono molti raduni e su strada, per quanto riguarda le versioni di motocross la forza di vittorie in questa disciplina. Ma il suo successo in evidenza è stata senza dubbio la vittoria assoluta in due edizioni della 24 Ore di Montjuïc: Nel 1963, i fratelli Enrique e Jordi Sirera sono saliti a bordo di un Impala Sport 250cc, il superamento del passaggio con il record della prova al termine di 620 giri del circuito, per un totale di 2.353,251 Km con una velocità media di 98,052 km / h. [14] Nel 1966, i vincitori sono stati Josep Maria Busquets, e l'italiano, Francesco Villa, che ha superato la barriera dei 100 Km / h in media e impostare un record in 102,047 Km / h.

Reviews

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Write a review

Montesa. 175cc. Impala.

Montesa. 175cc. Impala.

Anno 1962. Registrato. Con la documentazione. Il giorno ITV.

Completamente ristrutturato, rispettando modello originale. Le riprese.

Con garanzia sulle parti rinnovate.

Il nostro impegno

Garanzia di serietà

  • Lavoriamo a livello nazionale e internazionale.
  • Tutti i veicoli sono stati controllati da personale specializzato.
  • Gestiamo il trasporto personalizzato e / o la documentazione preventiva pro forma approvata.
  • Per evitare delusioni, è consigliabile vedere il veicolo prima di fare offerte. Per richiedere un appuntamento per un'ispezione, si prega di contattare Artsvalua per vedere la disponibilità.

30 other products in the same category

Close