Close

Biscuter .Pegasin. 200F. 198cc. 1958.

207.13

Ristrutturato

1ª Immatricolazione: 1958.

Motore: 1/196,85 cc.

Lezioni nazionale, Barcellona.

Colore: Rosso e bianco, all'interno del gioco originale.

Tetto rimovibile. Auto descapotado.

In perfetto stato di funzionamento.

Maggiori dettagli

 

Scheda di dati di

Stato VENDUTO

Ulteriori informazioni

Biscúter Pegasín

 

 

Il Biscúter era una microcar prodotti in Spagna a metà del XX secolo.

Sfondo

La mancanza di materie prime e, in generale, le difficoltà economiche dell'Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale, è diventato popolare auto piccole in molti paesi europei. In Spagna, la situazione era più complicata, dal momento che il governo di Francisco Franco, che è stato rifiutato da molti governi occidentali e i comunisti come un residuo del fascismo. In conseguenza, la Spagna ha sofferto un relativo isolamento dal resto del mondo industrializzato, ha funzionato per alcuni abbassare i livelli di sviluppo rispetto all'Europa Occidentale e ha dovuto sviluppare sostituti per i propri prodotti e tecnologie di importazione difficile da ottenere. Il Biscúter, piccolo, semplice, ed economico, anche in confronto con altre microcar, era un prodotto di questo ambiente economico e si è ben adattato al suo tempo e di mercato.

Fonte

L'auto ha le sue origini in Francia, alla fine del 1940, dove Gabriel Voisin, progettista di aerei e proprietario della prestigiosa fabbrica di automobili Voisin, ha progettato una macchina, minimo cosiddetto Bi-scooter. Il nome implicito che aveva le dimensioni di due moto, uno scooter o una moto scooter a quattro ruote. In Francia, l'idea non ha attirato l'interesse di produttori o di pubblico, ma è successo il contrario in Spagna del dopoguerra, e alla fine ha venduto la licenza per l'azienda spagnola Autonacional SA di Barcellona.

Quando è stato introdotto nel mercato nel 1953, l'automobile non aveva nome formale e fu chiamato semplicemente 100 Serie, ma ben presto è venuto per essere conosciuta come "la Scarpa", per il loro profilo simile a una scarpa. Un chascarrillo comune era "brutta come una Biscúter".

Informazioni tecniche

La Scarpa è veramente stato semplificato al minimo, senza porte, finestre o la retromarcia. Il motore Hispano Villiers uno cilindri, 197 cc due tempi, sviluppata 9 HP, è iniziato con un tiratore e aveva la trasmissione solo per la ruota anteriore destra. La frenata è effettuato con un sistema insolito di tre punti, che comprendeva la trasmissione e i cavi per le ruote posteriori. Una caratteristica davvero avanzato stato di una carrozzeria completamente in alluminio, anche se in seguito è stato utilizzato l'acciaio.

Storia

Dopo un fallito tentativo di offrire la progettazione originale nel mercato francese, Gabriel Voisin ricevuto la richiesta inaspettata di sviluppo e di marketing per la Spagna, fame, quindi tutto ciò che generare motorizzazione.

Il progetto si è basato su un sofisticato desiderio di ridurre al minimo l'espressione, la mobilità, razionalizzare e massimizzare i benefici della vettura, in modo da ottenere una velocità ragionevole per il consumo di mai visto prima. Con questo scopo ha impiegato materiali leggeri, che potrebbe anche non necessitano di processi di verniciatura, oltre a continuare il programma, molto avanzata, la trazione anteriore. E ' stata una macchina estremamente nitida e semplice. Questo approccio, se da la sua austerità non attirare l'attenzione, dove è stato proposto, è stato perfetto per il post-guerra di Spagna.

Dal 1954 La società Autonacional MANICO realizzato con successo a Barcellona, con mezzi simili a quelli che avevo usato una grande azienda, che, con il successo del progetto stesso, ha permesso di costruire in serie e distinguersi dalla pletora di microcar spagnolo, di solito prodotta in una situazione molto precaria. Il iconografico corpo cominciò a contruír e ridefinire i Costrutti Metàl·liques Rañé San Just Desvern, diretto dai fratelli Marcellino Rañé e Fernando Rañé planchista e padre dell'attore e regista Ferran Rañé.

La rete di concessionari, si diffuse rapidamente in tutta la Spagna, e il Biscúter conobbe un periodo di splendore per diversi anni, dopo di che scomparve del tutto. La sua gamma è stata diversificata in mezzo a forti differenze di politica versioni van e famiglia, e anche una versione discutidísima con il corpo di plastica che è stato un fallimento commerciale e di materiale.

Nella fase finale, con la Seat 600 già nel mercato, lo Stato tagliato Autonacional la fornitura di alluminio, che ha determinato che un gran parte del Biscúter da allora, erano di acciaio, totalmente o parzialmente. Questo acciaio, contribuendo all'eroica idiosincrasie del Biscúter è stato ottenuto per distribuire i tamburi di petrolio del Piano Marshall.

Al di là di 1959-60 muore la macchina e nacque la leggenda, ma vale la pena di chiedersi che cosa sarebbe successo se, invece di scomparire, il Biscúter e Autonacional era riuscito a sopravvivere, industrialmente.

Il Biscúter fiorita per circa 10 anni ed è diventato un assiduo frequentatore delle strade spagnole. A poco a poco, abbiamo aggiunto le porte e finestre e fabbricati forme di carrozzerie diverse, tra cui furgoni, un elegante van con una scatola di legno (il Biscúter Commerciale di 200 ° C) e una sportiva quasi giocattolo chiamato Pegasín (Vedi Pegaso Z 102 e Pedro Serra).

Il governo ha creato nel 1950, l'azienda pubblica SEDUTA, che si produce dal 1953, sotto licenza automobili di FIAT, oltre ad autorizzare poco dopo la creazione di fabbriche di altre marche come la Renault nel 1952 o Citroën nel 1957. All'inizio, anche i modelli di design italiano o francese più economici, questi sono stati considerati auto di lusso, al di fuori della portata del consumatore spagnolo ambiente. Con il passare del tempo e l'arricchimento del paese, SEDE era sempre più quote di vendita, e si è conclusa con l'espulsione dal mercato le marche di auto di piccole dimensioni, quando, nel 1957, ha iniziato la costruzione del modello 600 ad un prezzo molto competitivo.

All'inizio del 1960, conclusa la vendita e la produzione di Biscúter, dopo una produzione totale di circa 12.000 auto. Quasi tutti Biscúter infine sono stati rottamati.

Negli ultimi anni del decennio degli anni 80 è stato presentato in riviste motore di spagnolo un progetto per la realizzazione di una Biscúter modernizzato, ma l'idea non è diventato realtà.

Oggi

Attualmente il Biscúter sono curiosità in un museo, anche se, come molti altri della sua defunta marche, ha seguaci tra gli appassionati di auto. Il nome che è relativamente sconosciuto al di fuori della Spagna e la maggior parte delle informazioni sull'etichetta è in spagnolo. La sua estrema rarità, assicura che ogni copia che è sopravvissuto è un oggetto da collezione, anche se non di un valore esageratamente alto.

Attualmente c'è un progetto per rilanciare il marchio in Girona, dove l'industriale Isacco Valls e il completamento di un primo prototipo che sarà presentato nel 2014.

Reviews

Ancora nessuna recensione da parte degli utenti.

Write a review

Biscuter .Pegasin. 200F. 198cc. 1958.

Biscuter .Pegasin. 200F. 198cc. 1958.

1ª Immatricolazione: 1958.

Motore: 1/196,85 cc.

Lezioni nazionale, Barcellona.

Colore: Rosso e bianco, all'interno del gioco originale.

Tetto rimovibile. Auto descapotado.

In perfetto stato di funzionamento.

30 other products in the same category

Close